Dio, Patria, Famiglia e Fondi Pubblici [4]

Il 5 settembre 2016 a Bruxelles, Alain Escada, Stefano Pistilli e François-Xavier Peron costituirono un partito europeo denominato Coalition pour la Vie et la Famille (CVF). Escada venne nominato presidente, Pistilli segretario generale e Peron tesoriere. Dopo aver già mostrato i legami tra Escada, i nazionalisti francesi e Alliance for Peace and Freedom e dopo aver analizzato le connessioni tra Civitas e Forza Nuova, a distanza di qualche mese riprendiamo il filo, occupandoci ancora delle attività economiche e politiche che costituiscono la rete di Stefano Pistilli e di Forza Nuova. Questa volta, il focus sarà il Regno Unito, dove risiede Pistilli, dove ha vissuto Roberto Fiore da latitante, dove i fondatori della International Third Position hanno da sempre profondi legami con la Fraternità Sacerdotale di San Pio X. Ecco a voi un giro di affari e di politiche che, nei sacri vincoli dell’omofobia, del razzismo e dell’antisemitismo, tiene insieme neofascisti, lefebvriani, negazionisti, Richard Williamson, case editrici, pubblicazioni, ProVita ONLUS e soprattutto charities (organizzazioni di beneficenza). Continua a leggere

Annunci

PD e ProVita: Non sappia la tua sinistra quello che fa la (estrema) destra

Il 3 ottobre 2017, a partire da un post pubblicato su Facebook dall’ex componente della commissione garanzia del Partito Democratico (PD) Aurelio Mancuso, alcuni membri del PD romano hanno evidenziato una contraddizione politica interna all’organizzazione del Festival dell’Unità – Tutta un’altra Roma. Qualche giorno prima, infatti, precisamente il primo ottobre, su un palchetto secondario del festival si era tenuto un dibattito sulle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) in compagnia di Toni Brandi, presidente di ProVita ONLUS, e Dina Nerozzi, neuropsichiatra molto attiva nelle realtà anti-LGBTI e anti-abortiste. Effettivamente, la bufera che ne è seguita era abbastanza giustificabile: com’è possibile aver aperto le porte e dato un microfono alle stesse persone che inquinano il dibattito pubblico da anni sulla così detta “ideologia gender”? Com’è stato possibile dare spazio a chi, nel gennaio del 2016, manifestò al Family Day al suon di #renziciricorderemo (dove Matteo Renzi, lo ricordo, è il segretario nazionale del PD)? Com’è stato possibile legittimare, in uno spazio connotato politicamente quale il Festival dell’Unità, gli stessi che sono nati e cresciuti in forte opposizione politica al PD? Andremo con calma. Continua a leggere

Di chi parliamo quando parlano di gender [9]

Creare l’isteria: 21 settembre 2013, Verona

There are days when people are
So nasty and convincing
John Grant – Glacier

Se avete letto anche solo la sesta parte del dossier Di chi parliamo quando parlano di gender (potete recuperarlo integralmente qui), ricorderete che a fondare la “Marcia Nazionale per la Vita”, nel 2011, erano stati il “Movimento Europeo per la Difesa della Vita” (MEDV) e “Famiglia Domani”. Allo stesso modo, ricorderete che, l’anno successivo, la seconda Marcia generò due nuovi enti prolife, così da dare linfa ai movimenti cattolici più estremisti. Nacquero, cioè, l’associazione “Giuristi per la Vita” e il mensile Notizie ProVita. Altresì avevamo visto che la prima sede legale dei Giuristi coincideva, non a caso, con il “Comitato Marcia Nazionale per la Vita”, con “Famiglia domani” e con la “Fondazione Lepanto” di Roberto de Mattei: si trovano tutte in Piazza Santa Balbina 8, a Roma, ossia lì dove sorgono la Basilica di Santa Balbina all’Aventino e l’Istituto Santa Margherita. Proviamo a vedere, ora, come queste realtà cominciarono a muoversi sul terreno italiano per diffondere l’isteria del mostruoso gender. La prima data emblematica risulta essere il 21 settembre 2013, in un doppio appuntamento veronese che ci dà la possibilità di raccontare tre divergenze: la prima, politica, che divide nei fatti la Lega Nord e Forza Nuova; la seconda, cattolica, che divide due gruppi tradizionalisti, ossia la “Fraternità Sacerdotale San Pio X” (FSSPX) e “Tradizione, Famiglia, Proprietà” (TFP); la terza, associazionistica, di cui parleremo prossimamente. Continua a leggere

Di chi parliamo quando parlano di gender [8]

Notizie ProVita a responsabilità limitata

… Due parole adesso sul giornale.
FUORI!, giugno 1972

Dunque, di chi parliamo quando parlano di gender? Abbiamo visto, fino a questo punto, che dietro alcuni gruppi di pressione si intravedono, in modo più o meno diretto, il Vaticano e le lobbies statunitensi. Siamo giunti, poi, a incastrarci in un percorso che univa tradizionalisti cattolici, lefebvriani, russi e, soprattutto, l’estrema destra. Ma se invece non fosse così, se fosse solo un’interpretazione erronea dei fatti, nonostante le amicizie tra Brandi, Fiore, Giovanazzi, Abrahamowicz e Castagna, rintracciabili anche sul social network Facebook? Proviamo, allora, a dare un’occhiata al mensile Notizie ProVita in sé e speriamo di smentire ogni reale collegamento con eventuali esponenti neofascisti. Continua a leggere

Di chi parliamo quando parlano di gender [7]

Notizie ProVita: Cattolici ed estremisti

… they say things beyond belief
that sting and leave you wincing
John Grant – Glacier

Siamo giunti, fin qui, a comprendere la nascita di “Giuristi per la Vita”, associazione cattolica anti-gender presieduta da Gianfranco Amato. Essa è vicina alle tecniche delle lobbies statunitensi e nacque in seno alla “Marcia Nazionale per la Vita”, le cui influenze si riassumono nelle posizioni ultra-conservatrici dei suoi membri e nell’origine tra partiti neofascisti e organizzazioni cattoliche. Abbiamo, altresì, inquadrato la figura di Toni Brandi, a capo della “Laogai Research Foundation Italia” e di Notizie ProVita, mensile cartaceo e sito prolife e anti-gender. Egli è vicino alle forze neofasciste italiane e al prete lefebvriano Abrahamowicz. Adesso, invece, indagheremo di più sulle effettive connessioni tra l’associazionismo cattolico, Brandi, i neofascisti e i lefebvriani. Il percorso è il medesimo, sempre: dal Vaticano all’estrema destra, dalla lotta contro le politiche abortive alla battaglia contro i diritti per le persone LGBTI. Stavolta, inoltre, attraverseremo anche intenzioni teocratico-dittatoriali e la Russia di Putin. Continua a leggere

Di chi parliamo quando parlano di gender [6]

Marcia Nazionale per la Vita: Cattolici e tradizionalisti

… but they keep on telling you
that you are not allowed
John Grant – Glacier

Fino a questo momento, si è delineata la rete delle associazioni cattoliche legate in particolare al Vaticano. Siamo partiti dal ruolo decisivo dell’europarlamentare Carlo Casini e siamo arrivati a ricordare la costituzione di “Scienza e Vita”, prima come comitato contro il referendum abrogativo della legge 40, poi come associazione prolife. Ne abbiamo visti i risvolti e seguita l’evoluzione all’interno della rete 2.0 anti-gender. Successivamente, passando per le lobbies statunitensi e i discorsi omofobi da esse veicolati, siamo arrivati a comprendere meglio la posizione dell’associazione “Giuristi per la Vita”. Adesso, invece, nella parte VI, ci dedicheremo alla sua fondazione, ai suoi membri e ai collegamenti con l’estrema destra, tracciabili già all’origine e incorporati, soprattutto, in Notizie ProVita, testata online sorella dei giuristi. Continua a leggere